Il MEF e la Meritocrazia: Bla Bla Bla!

 

Ancora una volta siamo qui a dolerci dell’assenza totale, o quasi, della reale intenzione della classe Dirigente della Nostra Amministrazione di valutare i propri collaboratori.

Classe Dirigente sempre pronta “coraggiosamente” a chiedere però quel qualcosa in più al personale… poco cambia che si tratti di disponibilità, di impegno, di abnegazione.
Bisogna essere “coraggiosi” infatti per chiedere ad un collaboratore, a prescindere dall’Area di appartenenza, di svolgere quella mansione, di evadere quella pratica urgente seppur impegnativa, di guardare una mail di sera o di sabato, sempre a prescindere.
Tanto poi basta il riconoscimento di essere un dipendente bravo/a e coscienzioso/a, basta una pacca sulla spalla.
Certo tutto l’ardore sciama quando ci potrebbe essere poi la più piccola, irrilevante, possibilità di valorizzare chi risponde sì rispetto a chi non si fa nemmeno trovare anche solo mettendo nero su bianco che “Tizio si applica un po’ di più rispetto a Caio”.
Ecco infatti che tutto quel “volemose bene” e “eh…se potessi valutarti come meriti” viene risucchiato nelle nubi del “ma poi si lamenta Caio” (quello che si applica meno di Tizio) e “non vorrei si creasse malcontento nell’Ufficio” e tanto altro “bla bla bla”.
E allora meglio lasciare lo stagno al suo torpore, al suo immobilismo, tanto quelli che alcuni classificano come Bravi ed altri come Fessi continueranno a permettere a parte della classe Dirigente di decidere e di non decidere, ed ecco conseguentemente il fatidico: “piuttosto lo faccio io” che ai Capi piace tanto.
Ma quindi questi sarebbero coloro i quali sono adibiti alla valutazione delle performance? Quelli che individuano chi possa svolgere l’incarico di Posizione Organizzativa?
Non sarà per caso per questo motivo che tutti, o quasi, i sistemi “premianti” del MEF (P.O. PreLex, tanto per gli esempi più eclatanti), siano avvolti sempre dalle stesse nebbie nonostante le richieste di trasparenza più volte formulate?
Pensavamo che essere Dirigente di un Ufficio prevedesse l’Onere e l’Onore di valutare e premiare chi merita….
Non basta il ruolo, ci vuole “coraggio”, altrimenti sarà sempre e solo un “Bla, Bla Bla”, perché, come dicevano i saggi, “il pesce puzza dalla testa”.


Roma 15/06/2022


                                                                                         Il Coordinatore Nazionale
                                                                                                   Walter Marusic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.