Lavoratori della Prima Area….figli di un Dio Minore!

 

 

Questa Organizzazione Sindacale non ritiene dignitoso il perdurare di una situazione di stallo nei confronti dei colleghi appartenenti alla Prima Area.

Non si tratta solo di rivendicare un livello retributivo migliore, ma anche e soprattutto di rivendicare un diritto alla speranza.

Speranza di poter avanzare di livello nel corso della propria carriera lavorativa, speranza di poter accedere a dei corsi formativi di più alto spessore, speranza di poter mutare dopo tanti anni la propria tipologia di attività.

Speranze ad oggi vanificate dall’essere stati inquadrati nella Prima Area, anche detta “il cimitero degli elefanti”.

In una Pubblica Amministrazione sempre più orientata alla valutazione delle performance, alla meritocrazia, alle impronte digitali per accedere al proprio ufficio, si pongono poi dei blocchi per alcune categorie di lavoratori.

Che senso ha valutare le performance di un lavoratore se lo stesso non ha la più minima speranza di progredire nella propria Amministrazione solo perché si trova inquadrato in una Area piuttosto che in un’altra?

Come può un collega impegnarsi di più, dare più disponibilità e professionalità sapendo perfettamente che altri potranno partecipare alle progressioni economiche, mutare la propria attività lavorativa, avere speranze, mentre Lui no?

Senza tenere conto di titoli di studio, di professionalità acquisita, di dedizione al lavoro, e questo solo perché si è inquadrati nella Prima Area.

Questa immobilità diventa ancor più iniqua e frustrante se si è stati inquadrati nella prima Area a seguito di mobilità, dove colleghi usciti dalla stessa Amministrazione vengono inquadrati nell’Amministrazione di destinazione, chi in Prima Area e chi in Seconda, solo per attinenza tra le due fasce economiche.

Gli strumenti ci sono, in ultimo l’art. 12 del CCNL 2016-2018, che prevede l’istituzione di una “Commissione paritetica sui sistemi di classificazione professionale” al fine di rivedere e riorganizzare i criteri di classificazione del personale, ridefinendo, tra l’altro, le opportunità di progressioni economiche per il personale apicale di ciascuna Area”.

Ridiamo speranza a chi l’ha perduta! Ridiamo dignità ai lavoratori!

Confintesa F.P. chiede lo svuotamento della Prima Area e il passaggio, del relativo, personale alla Seconda Area.

Altra battaglia sarà il passaggio, in Terza Area, di Tutti i colleghi laureati attualmente in Seconda Area.

Si può fare, lo faremo!

 

Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così.” (Giovanni Falcone)

 

 

Coordinatore Nazionale

                                                                                                 Walter Marusic

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: