Buoni pasto elettronici, o no, sempre problemi sono!

 Avete presente quelle partite di poker dove i giocatori rilanciano sempre finché non prendono gli avversari per sfinimento?

Ebbene, pare proprio che i dipendenti del MEF stiano affrontando una partita a poker con i distributori dei Buoni pasto.

Eravamo convinti che il “gioco” funzionasse così: io effettuo tot ore di lavoro, Tu mi eroghi un buono pasto, io vado nell’esercizio che Tu mi dici e spendo il tuo buono pasto.

Facile, semplice, logico diremmo….

E invece no, il gioco non è questo, bensì un gioco più “avvincente”: io faccio le famose ore lavorative che mi danno diritto ad un buono pasto, Tu me lo eroghi e poi….

Poi, quell’esercizio che Tu mi comunichi non lo accetta, quell’altro che sempre Tu mi comunichi lo prende per metà del valore, quell’altro prende tutti i Tuoi buoni tranne quello che ho io, un altro esercizio che Tu mi indichi non ha ancora i “POS” per i Tuoi buoni pasto, a quell’altro il “POS” non funziona, un altro esercizio sempre convenzionato con Te prende i Tuoi Buoni pasto ma solo quelli .1 o .4 ma io ho il .8, io ho i Tuoi ticket con scadenza 2019 e Tu mi scali quelli 2020, infine c’è quell’esercizio dove in cassa mi guardano con aria di commiserazione perché: “ancora giro con i buoni pasto?“.

Di tutto questo caos l’unica certezza è che a “prenderlo in tasca” sono sempre i lavoratori, ne avevate dubbi?

Ma possibile che a fine 2019, non si riesca a fare un appalto che funzioni? Senza ditte che falliscono, senza ditte che non riescono a coprire il territorio con esercizi convenzionati, senza che nessuno cerchi di guadagnarci più del dovuto e soprattutto senza che tutto ricada come sempre sulle spalle dei lavoratori statali?

Che non vi siamo simpatici lo abbiamo capito e non da oggi, che se un dipendente statale lo vedete come “amico” è solo perché lo potete spennare, e di tutto questo ce ne siamo fatti una ragione, tant’è che vi vogliamo aiutare togliendoci dai piedi in un modo molto semplice: metteteci il corrispettivo dei buoni pasto in busta paga e vedrete che non vi daremo più alcun fastidio!

Nel frattempo chiediamo alla nostra Amministrazione di verificare, il più rapidamente possibile, come mai i NOSTRI ticket della “Day Tronic” non vengono accettati da molti esercenti che pure accettano altri ticket sempre della “Day Tronic”.

Roma, 24/09/2019

                                                                            Coordinatore Nazionale

                                                                                (Walter Marusic)

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: